L’AUTUNNO SOFT

L’AUTUNNO SOFT

L’Autunno soft è una delle stagioni più diffuse in Italia e probabilmente anche fra le più controverse. L’immagine di autunno soft è quella di un paesaggio ottobrino, quando le foglie iniziano a cadere e tutto si dipinge di ocra, verde bottiglia, caramello e toni della terra. L’aria diventa nebbiosa e la luce si diffonde in una morbida aura dorata che avvolge ogni cosa. E’ un accordo praticamente pittorico, che lascia pensare al tonalismo di Giorgione dove ogni colore si accorda e si fonde con l’altro, una composizione cromatica così serrata che basterebbe cambiare il tono di un solo elemento per rompere bruscamente la magia e l’armonia creata dalla pittura tonale. Ed è così anche il viso degli Autunno Soft: gli elementi come la pelle, l’iride e i capelli non sono messi a contrasto fra loro ma si accordano per familiarità di colore e mal tollerano l’intrusione di tonalità che spezzano questo legame. E da questo punto nascono le controversie: c’è chi rimane deluso nell’essere analizzato Autunno Soft perchè la vive come una stagione spenta e noiosa. Questa opinione diventa particolarmente popolare se chi analizza e divulga la disciplina tende a dare una certa interpretazione alla stagione che, come vedremo adesso insieme, a volte diventa un po’ estrema e rigida.
Noi oggi parleremo genericamente di Autunno soft includendo in questa definizione l’autunno soft profondo (ASP) e l’autunno soft chiaro (ASC), due stagioni praticamente gemelle di cui ritengo sia più opportuno fare un unico discorso.

LE CARATTERISTICHE DELL’AUTUNNO SOFT

L’autunno soft si presenta solitamente con capelli castano chiaro, le autunno soft chiaro spesso sono anche bionde miele, l’incarnato può essere medio o anche molto chiaro e sempre connotato da un sottotono dorato. Gli occhi sono tendenzialmente nocciola o verde hazel, nel caso delle autunno soft chiaro capita anche che gli occhi siano verde mela con screziature dorate. L’autunno soft con capelli rossi è meno comune. Quindi in generale i colori di questa stagione non sono mai scurissimi, anche le sopracciglia e le ciglia solitamente tendono al biondo e in generale a fare poco contrasto con il viso.

Heidi Klum è un autunno soft. La sua bellezza distrae a tal punto che si fa fatica a volte a notare cosa indossa, ma osservando notiamo che con l’abito dorato sembra brillare lei stessa di una luce aurea, mentre in azzurro sembra inserita di forza in una tavolozza che non le appartiene e le toglie il focus dall’intensità del suo sguardo

Ciò che ne risulta è un viso dall’aspetto molto morbido, soave ma allo stesso tempo non delicato ma che al contrario presenta una certa complessità: l’aspetto dell’autunno soft non è cristallino come ruscelli primaverili, ne tagliente come le cime innevate invernali, è semplice ma allo stesso tempo elaborato come i giochi di riflesso su un drappo di velluto, il che gli conferisce un fascino intimo, sensuale e accogliente. Le caratteristiche della stagione seguono quindi quanto detto: colori di profondità media per ASP, di profondità bassa per ASC, e per entrambe contrasto e croma basso e temperatura neutro calda. Quindi una palette mediamente mai scurissima e una varietà di toni sempre velati da una patina ocra/marrone che li rende meno violenti e meno contrastanti fra loro.

La super model Natasha Poly scende completamente in secondo piano con il fucsia, il suo viso si perde nello sfondo. Con l’abito champagne è magnetica.
Lily Rose Depp è una bellezza di velluto, conciata da Inverno perde tanta raffinatezza
Anche Beyoncè un autunno soft. Nonostante la sua pelle sia scura risulta molto penalizzata dal rossetto scuro. Anche i colori brillanti e i forti contrasti sembrano sovrastarla del tutto. Basta invece così poco per rendere al top il suo viso…

CONSIGLI SULL’ABBIGLIAMENTO

Il croma e il contrasto basso hanno spesso causato una brutta fama alla stagione, tanto da arrivare spesso ingiustamente a classificarla come una stagione di colori “brutti”, tristi e monotoni. Ma in verità è stata più una sbagliata interpretazione di ciò a creare questo malinteso. Una delle regole più abusate che vengono suggerite a chi appartiene alla stagione autunno soft è quella di vestirsi tono su tono, che è sconfinata in consigli di outfit in gradazioni di beige che risultano piatte e penalizzanti, specie se i capi non sono di alta sartoria, per non parlare di alcune tonalità eccessivamente spente che difficilmente possono funzionare su qualcuno: ok il croma basso, ma siamo persone e siamo fatte di luce, di colore! Quindi ok alla morbidezza degli abbinamenti, ma senza esagerare perchè in fondo l’autunno soft è una sorella dell’autunno profondo, sarebbe un paradosso pensare che due stagioni che condividono circa l’80% dei colori siano in realtà così diametralmente opposte.

Molti dei colori migliori di Autunno soft sono condivisi con l’autunno profondo: la gamma dei marroni e dei beige, i vinaccia, il verde pino, l’ottanio. La differenza sta in alcuni colori più vivaci, come il rosso pieno o certe tonalità di verde prato, e il nero che accostato al viso genera eccessivo contrasto e ne risulta quindi molto appesantito e incupito. Da evitare anche il bianco ottico (il bianco avorio invece funziona molto bene), il fucsia, il ciano, il giallo limone e in generale tutte le tonalità eccessivamente forti, specie se fredde.

Abiti ideali in un armadio Autunno soft profondo
Abiti ideali per un armadio Autunno soft chiaro
C’è una scelta abbastanza ampia di verdi: oliva, bosco, ottanio, salvia…
I vinaccia sono tutti ottimi e fra i colori top assoluti della stagione
Il rosa migliore è il rosa marsala. Molte, specie le autunno soft chiaro, portano bene anche alcune tonalità di cipria.
Chi ha detto di rinunciare al rosso? basta preferirne uno con una leggera sfumatura mattone
Il beige è un ottimo passe-partout ma funziona molto bene nei total look sull’abbronzatura o sulle autunno soft chiaro più eteree.
Come per le autunno profondo, anche le autunno soft possono fare un buon uso del blu. Ottimo il blu di prussia ma in generale l’accostamento blu e oro o blu e beige funziona a meraviglia.
Nella palette vi sono anche dei gialli: alcuni più spenti come l’ocra e altri più vivaci come il giallo banana e il giallo girasole.
Il marrone in varie tonalità è anch’esso un ottimo colore, anche da abbinare a colori più vivaci.

Dai look appena visti traspare che di certo non è una stagione connotata da squilli di tromba ma mai monotona, anzi al contrario presenta una gamma di colori molto ampia che però segue quel filo conduttore (il tonalismo creato con la velatura di marrone di cui parlavo all’inizio) che permette di creare abbinamenti con estrema facilità e risultare sempre curate, eleganti, non a caso sono i colori favoriti del boho moderno, del minimal chic, del norvegian style e dei look fashion di Instagram

IL TRUCCO PER AUTUNNO SOFT

Il principio del tonalismo e del minimalismo vale anche e soprattutto per il trucco. Sono banditi trucchi molto colorati o troppo carichi di nero, anche la scelta del rossetto passa dai nude a toni a media intensità. Rossetti molto scuri o molto brillanti oltre a risultare poco amalgamati al viso (effetto collage) tendono ad indurire i tratti e a dare al volto un’aspetto sciatto invece che curato. Gli ombretti migliori sono quelli nella gamma dei marroni e degli oro anticati, si può usare un po’ di colore basta sia non troppo brillante come il vinaccia e il verde oliva. Questo ovviamente non vuol dire fare solo look make up no make up o molto delicati, soprattutto per le più more spesso un po’ di nero funziona nel trucco, e soprattutto non badate alle dicerie: il mascara, a meno che non siete delle poco comuni biondissime e diafane autunno soft chiaro, va scelto comunque nero.

Anya Taylor-joy è un autunno soft che gioca moltissimo con il suo look ma è davvero luminosa e valorizzata quando punta alla delicatezza.

I trucchi che vedete, tratti dalle ragazze del mio gruppo Armocromia e trucco correttivo, come vedete rispettano i toni della palette e la sua morbidezza, senza però rinunciare all’intensità e alla voglia di giocare con il proprio look.

COSA FARE AI CAPELLI?

Drew Barrymore è borderline fra autunno ed estate soft, estremamente bilanciata e con un incarnato del tutto privo di patine. Ciò le permette di reggere molto bene svariati cambi di look
Nicole Richie è una splendida ragazza ma la sua luce si affievolisce moltissimo qundo indossa i panni di un inverno.

l’unica vera regola ferrea da rispettare è questa: non allontanarsi troppo dalla propria natura. Ciò vuol dire che colori estremi come il nero, il biondo platino o il rosso molto carico risultano fortemente penalizzanti su tutte. Scurire un pochino a volte può aumentare il contrasto e la profondità, ma solitamente le autunno soft ricavano più vantaggio da schiariture sfumate come mesh morbide o balayage, o anche semplicemente dei glossanti che danno alla chioma una luce dorata. Le più calde, prive di patina olive, possono sperimentare un riflessante ramato.

BALAYAGE BIONDO
Balayage
Castano con riflessi ramati

LA SCELTA DEGLI ACCESSORI

La scelta dei gioielli è non troppo distante da quella già indicata per Autunno Profondo, ovvero una certa libertà sui metalli con predilezione per l’oro e le pietre tendenzialmente calde. Alcune linee guida suggeriscono gioielli in legno e metalli spazzolati, in realtà io trovo sia una visione un po’ rigida della stagione che può portare magnificamente anche pietre sfaccettate, a patto però che non siano di colore acceso e disposte sul gioiello in sovrabbondanza.


Torna in alto