L’ESTATE CHIARA

L’ESTATE CHIARA

Le stagioni che abbiamo viso fino ad ora sono tutte connotate da una certa profondità (l’inverno in particolare) o da un flow che rende il colore pastoso come quelli miscelato sulla tavolozza di un pittore (autunno). La stagione di cui parliamo oggi presenta invece delle caratteristiche nuove che la rende molto distante da quelle che abbiamo visto in precedenza. Oggi introduciamo il discorso Estate, la macro stagione che rappresenta colori freddi come l’inverno ma in versione più delicata, priva di drammaticità. Le immagini che evocano il concetto armocromatico di Estate sono i giardini di rose candide, le siepi di peonie, i campi di lavande, le passeggiate in riva al mare di mattina presto e in generale tutto un immaginario fatto di natura, di gite, di luci soffuse che ha caratterizzato tanto la pittura francese di fine 800. La macro stagione estate sembra uscita da una tavolozza di Monet.

Claude Monet: The Garden Paintings - Announcements - e-flux

Ogni stagione dell’estate presenta queste caratteristiche generali che le accomuna e le rende “sorelle”, ma ognuna avrà una sua particolare peculiarità. L’Estate Chiara (che da questo momento nomineremo abbreviando con EC) si presenta come eterea, ed è questo che determina fortemente la palette di riferimento. In Italia è poco comune ma nei paesi nordici incontrare un’estate chiara è piuttosto facile. Come riconoscerla? ora lo vedremo insieme.

LE CARATTERISTICHE DELL’ESTATE CHIARA

Pour son prochain film, Michelle Pfeiffer opte pour cette coloration  audacieuse - Elle
Michelle Pfeiffer è un esempio emblematico di estate chiara

EC è una stagione neutro fredda, non di rado chi appartiene a questa stagione si trova borderline con la primavera e nella palette molti colori si presentano più “tiepidi” proprio per far fronte a questa esigenza abbastanza comune. Il croma è medio e a volte può presentarsi anche un po’ più alto della media tanto che alcune EC ben mascherate possono essere confuse erroneamente per Inverni Brillanti, quindi i colori della palette si presentano piuttosto vivaci e briosi. La vera dominante di questa stagione e l’assoluta chiarezza, le persone che appartengono a questa stagione hanno un livello di profondità basso e scarso contrasto. Infatti chi appartiene a questa stagione ha tutti e 3 gli elementi del volto (occhi, pelle e capelli) di colore chiaro: non esistono ec con capelli mori (al massimo possono essere un biondo cenere scuro), con occhi marroni (possono essere solo azzurri o verde acqua) o con pelle olivastra. L’aspetto generale di una donna EC è quello di un’elfa o di una fatina, sembra uscita da un mondo magico ed è connotata da un’aura di femminilità delicata e gentile.

Annasophia Robb è un fiore con i suoi colori: la pelle risulta luminosa, i suoi lineamenti acquisiscono morbidezza, la pelle come di velluto. A destra la vediamo vestita come un inverno e sembra perdere qualcosa, sicuramente è meno luminosa e meno fresca.
Claudia Schiffer in bianco brilla, il nero invece la rende molto giù di tono
Reese Witherspoon porta magnificamente la gamma dei rosa, essendo neutra regge bene anche il giallo ma solo a patto che sia un giallo a base bianca come quello della foto al centro. I colori molto caldi, invece, le spengono un po’ lo sguardo e l’incarnato prende una colorazione verde/giallognola
Schiapparelli, lampone e yogurt sono fra i colori migliori per EC ma tutta la gamma dei rosa è ottima, vanno evitati solo quelli molto grigi (alcuni malva o il genere desert rose). I blu funzionano dalle tonalità medie fino alle colorazioni più chiare, idem i viola. Buona la gamma dei grigi e il bianco funziona a patto che non sia ottico. I verdi solo a base blu e il rosso è buono se un po’ sbiancato, a base leggermente rosa.

CONSIGLI SULL’ABBIGLIAMENTO

potremmo dire, in sintesi, che mentre l’inverno è un ritratto a carboncino, dove le ombre sono scure e taglienti, l’estate – in special modo quella chiara – è un dipinto ad acquerelli e, per non interrompere queste delicate campiture di toni trasparenti, è importante non inserire elementi che non hanno la stessa trasparenza ma si presentano pieni, corposi e contrastanti. Il contrasto prevarica il volto EC, è bene cercare di non abbinare i colori più scuri della palette con quelli più chiari ma mantenersi su un tono su tono, proprio per non perdere la delicatezza d’insieme. I colori della palette sono prevalentemente pastello e abbinati fra loro per analogia, in alcuni casi possono presentarsi anche molto vivaci (penso ad alcuni rosa e azzurri) ma si presentano sempre leggermente “sbiancati”, mai puri come i colori delle palette brillanti. Come vedremo in seguito, EC può essere confuso con l’estate soft chiara per via della bassa profondità condivisa ma EC risulta giù di tono con colori visibilmente grigiati e ha bisogno di quel tocco di vivacità effetto sorbetto per mettersi a “fuoco”, nella palette ci sono anche colori più delicati come il grigio, l’avio o il rosa cipria ma questi danno il meglio di sé quando abbinati a pietre, tessuti lucenti, fantasie più vivaci. Inoltre in palette, come accennato prima, è possibile trovare anche alcuni colori non prettamente freddi come il paglierino e il pesca perchè EC ha spesso molta vicinanza con la primavera, non deve però eccedere: tonalità come l’arancio, il verde mela e il giallo pieno rimangono prettamente primaverili e non donano alle estati.

IL TRUCCO PER L’ESTATE CHIARA

Naomi Watts la vediamo a sinistra in un look molto ben riuscito. A destra null’affatto: occhi troppo definiti, rossetto troppo pieno, viso carico di terra…in realtà nemmeno l’abito aiuta.
Il pop di colore sulle labbra è fantastico su EC, a patto però che sia un po’ lucido, non scuro e un po’ trasparente.

Abbiamo capito che la delicatezza è la parola chiave per interpretare tutto quello che riguarda la bellezza per le EC, ciò naturalmente vale anche per il trucco. Per definire lo sguardo non serve tanto nero o ombretti molto scuri, basta già una matita marrone e tonalità medie per ombreggiare e dare una forte intensità allo sguardo. Trucchi molto marcati non definiscono le Ec ma le sovrastano, le sporcano e spesso – se non si è giovanissime – invecchiano. Fra i neutri sono ottimi i marroni a base nocciola e a base tortora, per le più fredde sono ottimi anche i grigi, mentre riguardo i colorati sono molto valide le tonalità rosate e quelle del viola. Lo stesso discorso sulla delicatezza vale anche per la scelta dei rossetti: i migliori sono quelli che danno alle labbra un tocco di colore vivace ma trasparente: rosso anguria, rosa indiano, rosa peonia dalle texture un po’ sheer, lucide e non del tutto coprenti. I rossetti molto opachi non funzionano benissimo, specie se sono di colori forti come il prugna o il rosso cremisi (che è meglio evitare in generale)


COSA FARE AI CAPELLI

Jessica Stam nella foto di destra è molto appesantita dai capelli neri: la pelle si ingiallisce, l’iride diventa pallido, le mascelle si squadrano. Una grande bellezza mal camuffata.

Le EC sono solitamente abbastanza chiare di capelli ma non è detto che di natura siano biondissime, spesso il loro colore tende al biondo cenere scuro. In questi casi la cosa migliore è schiarire, anche di molto se lo si desidera, l’importante è evitare che i capelli ingialliscono troppo e tonalizzare sempre con un cenere o al massimo con un tono naturale (un pizzico dorato). Evitare di scurire i capelli, l’effetto parrucca è dietro l’angolo, oltre a indurire e appesantire i lineamenti del viso.

5 Essential Hair Care Tips For Keeping Bonde Hair Bright
Elegant Creamy Blonde Baby Highlights for 2019 Ladies

LA SCELTA DEGLI ACCESSORI

Per quanto riguarda i metalli, l’oro bianco è da preferire ma le più neutre possono utilizzare anche piccole dosi di oro giallo, meglio invece evitare oro rosa e rame. Le pietre migliore sono in tonalità pastello: quarzo, opalina, acquamarina, perle e pietre trasparenti lucide come i cristalli e il vetro lavorato tipo murano. Per quanto riguarda la scelta di foulard, sciarpe e cappelli, i colori top sono quelli più indicati ma vanno bene anche alcuno colori passe-partout come il grigio perla, il blu denim e il bianco latte


E con questo è tutto. Rimanete sintonizzate, presto parleremo delle altre due estate.

A presto, Annalisa

Torna in alto